Consigli post chirurgia

Poche regole per un corretto comportamento post-intervento di chirurgia orale

TERAPIA FARMACOLOGICA: attenetevi diligentemente nell’assunzione dei farmaci consigliati dal Vostro curante, non sospendete o variate autonomamente la posologia. Solo in caso di episodi cutanei o sistemici riconducibili a un meccanismo allergico, sospendere immediatamente la terapia farmacologica.
GONFIORE E APPLICAZIONE GHIACCIO: Il gonfiore del volto in corrispondenza dell’area operata fa parte dei normali processi di guarigione. Generalmente il fenomeno raggiunge il suo massimo nella seconda – terza giornata post-intervento e tende a diminuire al quarto – quinto giorno.
Applicate del ghiaccio (sacchetto istantaneo o borsa) in corrispondenza della zona trattata da subito per almeno 3-4 ore ad intervalli di 5-6 minuti. La crioterapia limita il gonfiore, il sanguinamento ed il dolore.
FERITA: Mantenere il tampone di garza posizionato sopra il sito chirurgico, per permettere l’organizzazione del coagulo. Assicurarsi che il tampone rimanga dove è stato posizionato e morderlo in modo continuo, per circa un’ora. Poi rimuovere il tampone e lasciare libera la ferita.
DOLORE: è del tutto normale avvertire una dolenzia della zona che ha subito l’intervento; osservando scrupolosamente la terapia farmacologica e comportamentale si può arginare il fastidio nella più larga maggioranza dei casi. In caso di notevole fastidio contattare il dentista per integrare la terapia analgesica.
RIPOSO: dopo l’intervento, è consigliabile riposare con la testa sollevata da due cuscini, o in poltrona, e astenersi da qualsiasi attività sportiva e lavorativa che richieda impegno fisico, almeno per i primi 3-4 giorni e/o sino a nuove indicazioni da parte dell’operatore.
IGIENE: Non effettuare sciacqui per le prime 24 ore, non succhiare la ferita e non sputare se si avverte presenza di saliva o sangue in quanto tali operazioni potrebbero sciogliere il coagulo e promuovere il sanguinamento. Evitate, nei primissimi giorni, di arrivare con le setole dello spazzolino sulla ferita specialmente se è presente una sutura e utilizzate uno spazzolino con setole morbide.
Trascorse 24 ore dall’intervento chirurgico, eseguire degli sciacqui in modo  delicato e della durata di almeno un minuto con soluzione fisiologica o con acqua e sale (un cucchiaino di sale in un bicchiere) dopo ogni pasto per una settimana. Gli sciacqui permettono la rimozione di residui alimentari dal sito chirurgico, prevenendo l’infezione e promuovendo la guarigione della ferita. Qualora il medico ritenga necessario l’esecuzione di sciacqui con collutori a base di clorexidina o altri farmaci, attenersi alle indicazioni date.
SANGUINAMENTO: Un lieve sanguinamento (colorazione rosata della saliva) per le prime 12-24 ore dopo l’intervento chirurgico, è normale. Qualora il sanguinamento risultasse cospicuo e/o continuato nel tempo sciacquare la bocca una sola volta, assumere la posizione eretta (non distendersi), applicare sulla ferita un tampone di garza piegata e inumidita con acqua tiepida o con emostatico (es Ugurol) esercitando, mordendola, una  costante pressione per circa 30 minuti. Se necessario ripetere l’operazione. Nel caso l’emorragia dovesse proseguire o risultasse indomabile, telefonare al nostro ambulatorio o, nelle ore notturne, al 118 , o recarsi a un Pronto Soccorso.
FEBBRE: è possibile un rialzo termico entro 48 ore.
ALCOL-TABACCO: astenersi dal loro uso. Possono interferire la coagulazione, ritardare la cicatrizzazione ed essere responsabili del dolore post-operatorio.
Qualora vi fossero altri problemi o dubbi contattate il Vostro curante che senz’altro si renderà reperibile e disponibile.
DIETA E ASSUNZIONE ALIMENTI: Un’alimentazione completa e equilibrata è importante per la guarigione della ferita e per aiutare l’organismo a combattere le possibili infezioni nel sito chirurgico. Dopo l’intervento è normale avere qualche difficoltà a nutrirsi.
Per i primi due giorni seguire una dieta a base di liquidi e cibi morbidi freddi quindi progredire gradualmente verso cibi solidi e caldo-tiepidi. Masticare dal lato opposto al sito operato e non assumere liquidi tramite cannucce fino alla guarigione della ferita.
In caso di patologia diabetica non variare la dieta prescritta dal proprio medico curante seguendo gli accorgimenti sopra citati.
EMATOMI: La comparsa di un ematoma (livido cutaneo) con le relative colorazioni, bluastro, verde, giallo, è un evento non raro, che va incontro a risoluzione spontanea e non compromette la guarigione della ferita o la riuscita dell’intervento. L’ematoma può estendersi, nell’arcata superiore sino all’occhio e, nell’arcata inferiore, lungo il collo.
SUTURE: I punti devono rimanere in sede per il periodo di tempo indicato dall’operatore. Nel caso si verificasse il distacco di un punto di sutura, non allarmatevi in quanto generalmente non compromette la guarigione.
Se, invece, per qualsiasi motivo si dovesse notare cedimento complessivo della sutura è necessario contattare il nostro servizio.
Bastano pochi minuti per prevenire lesioni del cavo orale e farsi un autoesame della bocca.
Guarda il video diffuso da ANDI:
- Igiene orale e prevenzione
- Medicina orale
- Protesi
- Parodontologia
- Chirurgia orale
- Odontoiatria estetica
- Ortodonzia
- Implantologia
- Posturologia