Bambini

Lo Studio Sadile consiglia alcuni accorgimenti per i denti dei bambini

I Supereroi dei Denti – Sorrisi Smaglianti Futuri Brillanti

Il Calendario dei dentini: quando spuntano

I cosiddetti denti da latte, o decidui, le cui gemme sono già presenti nel feto, possono fare la loro comparsa già dal secondo mese di vita del bambino. Non esiste però una regola certa sul periodo di eruzione dei denti, per la maggior parte dei neonati questa avviene al sesto mese di vita, ma eruzioni tardive, anche oltre l’anno di vita, non devono destare alcuna preoccupazione.
Alcuni bambini nascono addirittura con un dentino già visibile (sindrome di Riga-Fede): niente di preoccupante, è del tutto normale. Si consiglia comunque di consultare il dentista in quanto il trauma dei dentini sotto la lingua, in fase di suzione dal seno, può provocare ulcerazione.
L’eruzione comincia quasi sempre allo spuntare degli incisivi centrali inferiori, prima uno poi l’altro. Gli incisivi superiori spunteranno dopo circa un mese, ed in generale l’eruzione dei denti seguirà lo schema riportato qui sotto fino alla completa dentatura da latte costituita da venti denti: 4 incisivi, 2 canini e 4 molari per ciascuna arcata.
La dentatura da latte si completa generalmente nel secondo anno di vita.
Intorno ai 6 anni, invece, avverrà l’eruzione del primo molare definitivo, che non sostituirà nessun dente da latte ma si aggiungerà ai denti già esistenti.
In molti casi l’eruzione dei primi dentini, annunciata da un aumento della salivazione, è accompagnata da sintomi generali e locali più o meno fastidiosi per il bambino. Si tratta di disturbi passeggeri, in genere di lieve entità come arrossamento delle gengive, irritabilità e disturbi del sonno, ma che in alcuni casi possono portare anche a febbre, diarrea o inappetenza; In ogni caso non è necessario ricorrere alla somministrazione di alcun farmaco al bambino.
Per cercare sollievo i bambini hanno la tendenza a mettere qualsiasi oggetto in bocca e a morderlo, quindi si può alleviare loro il fastidio proponendogli appositi oggetti gommosi che possano mordicchiare, meglio se refrigerati. In alcuni casi si può far ricorso a creme lenitive.
Anche se i primi dentini sono temporanei non bisogna pensare che se ne possa avere meno cura. I denti da latte sono la base per la successiva dentatura, e svolgono l’importante compito di mantenere lo spazio per i denti definitivi, troppo grandi per la bocca del bambino.

Come pulire i dentini

I primi dentini possono fare la loro comparsa dal secondo mese di vita del bimbo, e naturalmente è superfluo ribadire che è compito del genitore occuparsi della loro pulizia, almeno fino a quando il bambino non sarà in grado di occuparsene da solo. Quando i dentini sono ancora molto piccoli sarebbe estremamente complicato pulirli con lo spazzolino, occorrerà allora munirsi di un panno morbido o una strisciolina di garza e procedere nella seguente maniera:

– inumidire i panno o la garza con acqua tiepida

– tenere un angolino di tessuto tra pollice ed indice

– appoggiare il tessuto sul dente del bambino, appena sotto la linea delle gengive e “pizzicare” il dentino

– strofinare delicatamente il dente

questa procedura va ripetuta due volte al giorno.

Compiuto il secondo anno di età si potrà passare allo spazzolino. Finché i dentini sono piccoli si adotterà la tecnica dello sfregamento semplice, che consiste nel posizionare le setole ortogonalmente alla superficie del dente compiendo movimenti orizzontali. E’ molto importante che il bambino non veda questa operazione come una costrizione, ma bisogna insegnargli che in questo modo ci si prende cura dei propri denti per mantenerli sani e forti. Un buon accorgimento è quello di regalare al bambino due spazzolini di colore diverso, uno da usare la mattina e la sera, l’altro dopo il pranzo, in questo modo lo aiuteremo a ricordarsi di lavarsi i denti dopo ogni pasto.

Ricordate: i figli fanno quello che fanno i genitori, quindi la chiave per educarli non è dire loro cosa fare, bensì dare l’esempio e prenderci cura della nostra bocca per primi.

Bastano pochi minuti per prevenire lesioni del cavo orale e farsi un autoesame della bocca.
Guarda il video diffuso da ANDI:
- Igiene orale e prevenzione
- Medicina orale
- Protesi
- Parodontologia
- Chirurgia orale
- Odontoiatria estetica
- Ortodonzia
- Implantologia
- Posturologia